Cerca
/ +39 0872 897457
seguici su           
Ute Imhof: Lo sviluppo naturale del bambino - L'Arcobaleno - il negozio per le mamme di oggi e i bambini di domani
9409
post-template-default,single,single-post,postid-9409,single-format-standard,theme-woly,eltd-core-1.2,woocommerce-no-js,yith-wapo-frontend,woly-ver-1.4,eltd-smooth-scroll,eltd-smooth-page-transitions,eltd-mimic-ajax,eltd-grid-1200,eltd-blog-installed,eltd-main-style1,eltd-disable-fullscreen-menu-opener,eltd-header-standard,eltd-sticky-header-on-scroll-down-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-menu-item-first-level-bg-color,eltd-dropdown-default,eltd-,eltd-header-style-on-scroll,eltd-header-standard-enable-transparency,eltd-fullscreen-search eltd-search-fade,eltd-woo-single-has-pretty-photo,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Blog

Ute Imhof: Lo sviluppo naturale del bambino

Lo sviluppo del bambino è un processo complesso che va seguito attentamente. Per fortuna, certe cose seguono un corso naturale.

Ute Imhof è terapeuta infantile e specialista in fisioterapia pediatrica. Nata in Germania, vive in Norvegia, dove si occupa di sviluppo psicomotorio infantile sin dal 1987.

“I bambini hanno un orologio motorio interno, che inizia a funzionare appena si accende la scintilla della vita all’interno dell’utero materno e continua a farlo anche dopo la nascita, per tutta la vita”, spiega Imhof.

Ecco cosa consiglia ai genitori che desiderano stimolare lo sviluppo del loro bambino.

Interagite con il bambino tenendolo vicino, creando una sensazione di sicurezza e fiducia e favorendo il contatto visivo. Offrite al bambino la possibilità di imparare sempre qualcosa di nuovo. Incoraggiatelo, ma non prima del tempo. Ha appena imparato a stare in piedi da solo: non pensate già a quando camminerà. Lasciate che esplori il mondo e trovi il suo equilibrio. Tutto il resto di solito arriva in modo naturale”, afferma.

Prima di andare avanti, è importante ricordare che ogni bambino è diverso dagli altri e segue un processo di sviluppo completamente personale. Partendo da queste premesse, abbiamo stilato un elenco delle tappe più importanti dello sviluppo motorio del bambino fino a quando non impara a camminare.

Intorno ai 3 mesi: Simmetria e stabilità

A tre mesi, il bambino trova il proprio centro di simmetria. È capace di spostare la testa a sinistra e a destra, mantenendo stabile il corpo. Impara anche a sollevare le gambe. Afferra oggetti con movimenti semplici e tocca il vostro viso quando siete vicini.

Intorno ai 6 mesi: Da supino a prono

A sei mesi, il bambino impara a girarsi da supino a prono completamente da solo. Inoltre, riesce a mettere in bocca i piedini. È una conquista importante che rivela la flessibilità della colonna vertebrale.

Intorno ai 7 mesi: Movimento

Dopo avere imparato a girarsi da supino a prono, verso i sei mesi, il bambino impara a sollevarsi a braccia tese quando è appoggiato sulla pancia. Presto impara a spingersi in avanti, all’indietro e attorno al proprio asse.

Intorno agli 8 mesi: Movimento oscillatorio

Tra i sette e gli otto mesi succedono cose importanti nella vita di un bambino. Punta le ginocchia sul pavimento e si solleva a gattoni. Apprende il movimento oscillatorio. Spostandosi in avanti e indietro, scopre un nuovo mondo di possibilità. Allo stesso tempo, impara a mettersi seduto quando è sdraiato su un fianco.

8-9 mesi: Impara a strisciare

Una volta trovato l’equilibrio a gattoni verso i 7-8 mesi, il bambino scopre che può spostarsi strisciando. Poco dopo impara a mettersi in piedi da solo. Prima si appoggia sulle ginocchia, poi impara a reggersi sulle gambe tenendosi a un sostegno. Prima di lasciare la presa, impara a spostarsi anche di lato. In questa fase è importante dare al bambino tutto il tempo di cui ha bisogno, senza forzarlo. Create esperienze positive da vivere insieme. Aiutatelo a scoprire il mondo e imparare cose nuove.

 

fonte: www.stokke.com

Nessun commento

Rispondi a questo articolo